“Pensavo davvero che fossimo tutti amici:” Megan Thee Stallion racconta il presunto incidente di tiro di Tory Lanez del 2020

Era l’inizio dell’estate del 2020 quando la rapper Megan Thee Stallion è diventata un nome familiare con il suo singolo di successo “Savage”. Ma prima di essere conosciuta professionalmente come Megan Thee Stallion, era Megan Pete, una nativa di Houston, in Texas, con grandi sogni.

“Sono sempre stato fiducioso. Sono sempre stato rumoroso. Sono sempre stato estroverso. Ad esempio, mi è sempre piaciuto intrattenere. Quando guardo ora, sono tipo “Dang. L’abbiamo fatto davvero”, ha detto Megan Thee Stallion, co-conduttore di “CBS Mornings” Gayle King.

La sua sicurezza, il suono e la personalità fuori misura sui social media l’hanno costruita una base di fan di “belle”, come li chiama lei. Ha attirato l’attenzione di alcuni dei suoi coetanei, tra cui il rapper Nicki Minaj che ha collaborato con lei per il singolo “Hot Girl Summer” e Beyoncé, che ha remixato “Savage”.

Megan Thee Stallion stava volando alle stelle professionalmente nel 2020, ma internamente stava attraversando alcuni momenti difficili dopo aver perso sua madre nel 2019. Aveva già perso suo padre quando aveva 15 anni.

“Erano i miei migliori amici. Eravamo solo noi tre tutto il tempo”, ha detto Megan Thee Stallion. “Tipo, quando andavo a scuola… era un po’ diverso con me che interagivo con gli altri bambini… e loro [her parents] fammi sapere davvero, tipo, non puoi mai, non puoi mai lasciare che le insicurezze di qualcun altro ti rendano insicuro”.

Ma è stato nel luglio del 2020, quando Megan Thee Stallion ha detto che avrebbe attraversato qualcosa di cui ha ancora incubi fino ad oggi. Dopo aver lasciato una festa in casa sulle colline di Hollywood con il rapper Tory Lanez, il cui vero nome è Daystar Peterson, e un amico di Houston, ha detto che c’era una discussione in macchina perché voleva andarsene e altri no.

“Era una discussione perché ero pronto per partire e tutti gli altri non erano pronti per partire. Ma è, tipo, normale roba da amici”, ha detto Megan Thee Stallion a King. “Non avrebbe dovuto diventare così pazzo.”

“La discussione era con le due persone sul sedile posteriore. Quindi ho chiesto all’autista di accostare l’auto. Ad esempio, ho chiuso con questo. E sarei dovuto rimanere fuori dall’auto. Ad esempio, non avrei dovuto farlo di nuovo in macchina. E loro dicevano, “Megan, torna in macchina. Ci siamo quasi.” E, tipo, “Torna dentro”. Quindi torno in macchina. Sta… peggiorando”, ha detto.

Con l’intensificarsi della discussione, Megan Thee Stallion ha detto di essere scesa dall’auto ed è allora che accusa Lanez di sparandole una pistola parecchie volte.

“Così esco dalla macchina ed è come se tutto accadesse così velocemente. E tutto ciò che sento è quest’uomo che urla. E ha detto: ‘Balla, cagna.’ E ha iniziato a sparare. E io ho pensato, ‘Oh, mio ​​Dio.’ Ad esempio, ha sparato un paio di volte. Ed ero così spaventata”, ha detto Megan Thee Stallion.

“Allora è in macchina a sparare dall’auto, Megan? Come sta?” King le ha chiesto di chiarire.

“È in piedi sopra la finestra e spara. E non volevo nemmeno muovermi. Non volevo muovermi troppo velocemente”, ha detto il rapper. Ha detto a King che in quel momento ha pensato: “Non so se sparerà a qualcosa che è, tipo, molto importante. Non so se potrebbe spararmi e uccidermi”.

Megan Thee Stallion ha detto che si è guardata i piedi e ha visto che stava sanguinando. Ha detto di essere strisciata nel vialetto di qualcuno, scioccata dal fatto che Lanez le avesse sparato.

Lanez si è dichiarato non colpevole accuse di aggressione e armi in connessione con la sparatoria di Megan Thee Stallion alla fine del 2020. All’inizio di questo mese, un giudice gli ha ordinato di non fare alcuna menzione pubblica del caso o della vittima. Il caso dovrebbe andare in giudizio nel settembre di quest’anno.

Dopo la sparatoria, Megan Thee Stallion ha detto che Lanez si è scusata e ha offerto i suoi soldi per non dire nulla.

“Lui, ‘Mi dispiace così tanto. Per favore, non dirlo a nessuno. Vi darò un milione di dollari se non dite nulla.’ E io sono tipo: “Di cosa stai parlando? Tipo, perché mi stai offrendo soldi in questo momento? Aiutami. Tipo, e se ti dispiace, aiutami e basta”, ha detto.

Poco dopo, il dipartimento di polizia di Los Angeles è arrivato sul posto dopo aver ricevuto colpi di arma da fuoco.

Megan Thee Stallion ha detto a King di aver inizialmente detto agli agenti di aver calpestato dei vetri rotti per proteggere il gruppo sulla scia dell’uccisione di George Floyd da parte della polizia.

“Stavo solo cercando di proteggere tutti noi perché non volevo che ci uccidessero. Ad esempio, anche se questa persona mi ha appena fatto questo, la mia prima reazione è stata comunque quella di cercare di salvarci. Ad esempio, non l’ho fatto voglio vedere qualcuno morire. Quindi ho detto solo: “Ho calpestato il vetro”, ha detto in lacrime.

Questa affermazione è qualcosa che ha detto che vorrebbe non aver detto poiché è comunemente usata contro di lei da persone che non credono al suo racconto di quella notte.

“Vorrei aver detto la verità. Ma se ha salvato tutti noi dalla morte, allora probabilmente è proprio quello che doveva essere”, ha detto.

È stata portata al Cedars-Sinai Medical Center dove i medici le hanno detto che aveva frammenti di proiettile in entrambi i piedi, alcuni dei quali, secondo lei, rimangono ancora.

Megan Thee Stallion ha detto che a volte dà la colpa a se stessa per quello che sarebbe successo quella notte.

“Pensavo davvero che fossimo tutti amici. E a volte mi sento come se avessi dato la colpa a me stesso perché quando mia madre è morta, mi sentivo come se stessi cercando un tipo di ambiente familiare. E stavo lasciando entrare così tante persone ,” lei disse. “Non mi importava chi fosse. Volevo solo sentirmi come se avessi una famiglia e avessi persone che si preoccupano per me e potevo uscire con tutti. E stavo proprio attraversando questo”.

Abbiamo chiesto a Shawn Holley, l’avvocato di Lanez, delle accuse in questa storia, inclusa l’affermazione che il suo cliente ha offerto alle due donne dei soldi per rimanere in silenzio quella notte. Holley ha risposto, “non vedo l’ora di affrontare le affermazioni della signora Pete, comprese le sue incongruenze, discrepanze e omissioni” quando il suo caso sarà processato entro la fine dell’anno.

Un avvocato dell’altro amico nell’auto quella notte, Kelsey Harris, ha detto a CBS News: “Il mio cliente è un privato e non desidera fare una dichiarazione pubblica in questo momento”, e ha aggiunto: “Posso assicurarti che il mio il cliente non è stato pagato un centesimo da nessuna delle parti coinvolte per “rimanere in silenzio” come suggerito nei post sui social media”.

Abbiamo anche contattato l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Los Angeles per questo caso. Ci hanno detto: “Riteniamo che le prove supportino sostanzialmente le accuse e le accuse e che le prove saranno confermate in tribunale”.

Megan Thee Stallion ha detto che dal presunto incidente la sua ansia è peggiore, ha difficoltà a fidarsi delle persone e fatica a tenere una conversazione più lunga di 30 minuti.

È durante questi tempi che Megan Thee Stallion ha detto che vorrebbe poter parlare con sua madre.

“La metà delle volte, voglio solo alzare il telefono e chiamare mia mamma e dire, “Cosa faccio?” Come se fosse troppo. Mi sento matto. Sono triste. Mi piace, e mi sento come se l’avessi fatto trattenerlo perché devo essere forte per così tante persone”, ha detto.

Megan Thee Stallion ha detto a King che non si sta difendendo da persone che non credono che le abbiano sparato quella notte.

“Ad esempio, so che è successo a me e preferirei che si svolgesse in tribunale e i fatti venissero fuori e tutto venisse fuori piuttosto che dover perorare il mio caso”, ha detto. “Sono una vittima… non mi sto difendendo da niente. Tipo, mi è successo qualcosa.”

Leave a Reply

Your email address will not be published.