Non “testare” la polizia con i memoriali del massacro di Tienanmen

Giovedì la polizia di Hong Kong ha avvertito il pubblico di non “testare” gli agenti di polizia con “assieme non autorizzate” nel prossimo anniversario del massacro di piazza Tiananmen, ha riferito l’Hong Kong Free Press (HKFP).

“Cerca di non testare i confini… così come la determinazione o il nostro impegno nel far rispettare la legge in questa operazione”, ha detto ai giornalisti il ​​2 giugno il sovrintendente senior delle forze di polizia di Hong Kong Liauw Ka-kei.

“L’alto ufficiale ha affermato che l’azione della polizia sabato sarebbe ‘proporzionata’, come dare consigli e avvertimenti alle persone prima di azioni più rigorose come gli arresti”, secondo HKFP.

Gli agenti di polizia fermano e perquisiscono un pedone su una strada prima del 33° anniversario dell’incidente di piazza Tienanmen il 03 giugno 2022 a Hong Kong, Cina. (Anthony Kwan/Getty Images)

Liauw ha fatto riferimento al divieto generale imposto dal governo di Hong Kong quest’anno a tutti gli incontri pubblici per commemorare l’omicidio di massa di manifestanti studenteschi da parte del governo cinese in piazza Tienanmen a Pechino il 4 giugno 1989. Un memoriale all’evento ha avuto luogo tradizionalmente nel Victoria Park di Hong Kong nel suo anniversario per decenni. Il governo di Hong Kong ha vietato la veglia di massa a lume di candela nel 2020 e nel 2021, adducendo un presunto rischio per la salute pubblica causato dalla pandemia di coronavirus cinese. Questo divieto relativo alla salute rimane in vigore quest’anno, il che significa che qualsiasi grande raduno all’aperto, inclusa la veglia di Piazza Tienanmen, è vietato.

Liauw il 2 giugno ha fornito una spiegazione dettagliata del tipo di attività all’aperto che le sue forze di polizia avrebbero rispettato il 4 giugno, dicendo che “va benissimo” per gli hongkonghesi con uno scopo di svago “genuino” entrare nel Victoria Park quel giorno.

Gli agenti di polizia sigillano il Victoria Park in vista del 33° anniversario del massacro di Tiananmen il 03 giugno 2022 a Hong Kong, in Cina.  La polizia di Hong Kong ha avvertito i cittadini che i raduni per il massacro di piazza Tienanmen infrangeranno la legge, pochi giorni prima del 33° anniversario della sanguinosa repressione.  (Foto di Louise Delmotte/Getty Images)

Gli agenti di polizia sigillano il Victoria Park in vista del 33° anniversario del massacro di Tiananmen il 03 giugno 2022 a Hong Kong, in Cina. (Louise Delmotte/Getty Images)

Proseguendo, il commissario di polizia ha detto:

Ma comunque, come devo sottolineare, anche se sei solo, e poi vieni al Victoria Park… se stai insieme a un gruppo di persone, nello stesso posto, allo stesso tempo, con uno scopo comune, per esprimere alcuni punti di vista, sta già incontrando la definizione di un incontro.

E a seconda del numero delle persone presenti sul posto, che possono contravvenire a reati compreso l’assembramento non autorizzato oa causa degli atti, possono contravvenire anche ad altri reati più gravi.

Il Partito Comunista Cinese si rifiuta di riconoscere pienamente le vittime di massa causate dal massacro di Piazza Tienanmen del 1989 e spesso reprime i ricordi pubblici dell’evento in Cina. I politici pro-Pechino hanno assunto sempre più le posizioni di vertice nel governo di Hong Kong dall’estate del 2020, quando il Partito Comunista Cinese ha represso con successo un movimento pro-democrazia all’interno della città iniziato nel 2019. La legislatura del Partito Comunista Cinese ha approvato una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong il 30 giugno 2020, che ha creato quattro nuovi crimini: secessione, sovversione, terrorismo e collusione con forze straniere. La polizia di Hong Kong ha effettivamente estinto il movimento pro-democrazia della città arrestando i suoi partecipanti e accusandoli dei nuovi crimini di sicurezza nazionale della città.

Leave a Reply

Your email address will not be published.