Le autorità di regolamentazione della sicurezza statunitensi ricevono oltre 750 denunce di frenata di Tesla senza motivo

Più di 750 proprietari di Tesla si sono lamentati con le autorità di regolamentazione della sicurezza statunitensi che le auto che operano sui sistemi di guida parzialmente automatizzata della casa automobilistica si sono improvvisamente fermate sulle strade senza una ragione apparente.

La National Highway Traffic Safety Administration ha rivelato il numero in una dettagliata lettera di richiesta di informazioni a Tesla che è stata pubblicata venerdì sul sito web dell’agenzia.

La lettera di 14 pagine del 4 maggio chiede alla casa automobilistica tutte le segnalazioni di consumatori e sul campo che ha ricevuto in merito a frenate errate, nonché segnalazioni di incidenti, lesioni, decessi e richieste di risarcimento per danni alla proprietà. Chiede inoltre se i sistemi di “Full Self Driving” dell’azienda e di frenata di emergenza automatica fossero attivi al momento dell’incidente.

L’agenzia ha iniziato a indagare sulla frenata fantasma nei modelli 3 e Y di Tesla lo scorso febbraio dopo aver ricevuto 354 reclami. La sonda copre circa 416.000 veicoli degli anni modello 2021 e 2022. A febbraio, l’agenzia ha dichiarato di non avere notizie di incidenti o feriti.


Il principale regolatore della sicurezza automobilistica della nazione sta indagando su quasi una dozzina di incidenti che coinvolgono veicoli Tesla

03:31

La lettera dà a Tesla una scadenza del 20 giugno per rispondere alla richiesta di informazioni, ma afferma che la società può chiedere una proroga.

Le azioni di Tesla Inc. sono crollate del 7% alla campana di apertura sulla notizia che Il CEO Musk vuole tagliare i posti di lavoro presso la casa di auto elettriche sulla base di una “super brutta sensazione” che ha sull’economia, secondo un rapporto di Reuters venerdì.

Un messaggio è stato lasciato all’inizio di venerdì in cerca di un commento da Tesla.

Problemi di assistenza alla guida automatizzata

Aprendo la sonda, l’agenzia ha affermato che stava esaminando veicoli dotati di funzionalità di assistenza alla guida automatizzata come il controllo automatico della velocità di crociera e il “pilota automatico”, che consente loro di frenare e sterzare automaticamente all’interno delle proprie corsie.

“I denuncianti riferiscono che la rapida decelerazione può verificarsi senza preavviso e spesso ripetutamente durante un singolo ciclo di guida”, ha affermato l’agenzia.

Molti proprietari hanno scritto nelle loro lamentele di temere un incidente sul retrotreno in autostrada.

Nella lettera, NHTSA chiede la velocità iniziale di quando le auto hanno iniziato a frenare, la velocità finale e la decelerazione media. Chiede anche se i sistemi automatizzati hanno rilevato un ostacolo target e se Tesla ha un video degli incidenti di frenata.

L’agenzia sta ora cercando informazioni sulle richieste di garanzia per la frenata fantasma, inclusi i nomi dei proprietari e le riparazioni effettuate. Sta anche cercando informazioni sui sensori di Tesla, eventuali test o indagini sui problemi di frenata o se sono state apportate modifiche.

La lettera si concentra sui test di Tesla dei sistemi automatizzati quando si tratta di rilevare ponti metallici, curve a forma di S, traffico in arrivo e trasversale e veicoli di diverse dimensioni, compresi i grandi camion. L’agenzia vuole anche informazioni su come le telecamere gestiscono i riflessi, le ombre, l’abbagliamento e il blocco dovuto alla neve o alla pioggia battente.


MoneyWatch: Elon Musk sta trollando Twitter per un affare da 44 miliardi di dollari?

04:00

L’agenzia chiede a Tesla di dettagliare la sua valutazione del “presunto difetto” nei sistemi automatizzati, compreso ciò che ha causato la frenata non necessaria, ciò che non è riuscito e il rischio per la sicurezza dei veicoli a motore che il problema pone. Chiede a Tesla “quali avvertenze, se presenti, l’operatore e le altre persone sia all’interno che all’esterno del veicolo avrebbero che il presunto difetto si stava verificando o che il componente in questione non funzionava correttamente”.

L’indagine è un’altra di una serie di sforzi di contrasto da parte dell’agenzia che include il pilota automatico e il software “Full Self-Driving”. Nonostante i loro nomi, nessuna delle due funzioni può guidare i veicoli senza la supervisione di persone.

Quattro inchieste, 23 richiami in tre anni

È la quarta indagine formale sulla casa automobilistica del Texas negli ultimi tre anni e la NHTSA sta supervisionando 23 richiami di Tesla da gennaio del 2021.

L’agenzia sta anche indagando sui reclami secondo cui i sistemi di frenata di emergenza automatica su oltre 1,7 milioni di Honda più recenti possono fermare i veicoli senza motivo.

Inoltre, NHTSA ha in corso un’indagine più ampia sugli incidenti che coinvolgono i sistemi di guida parzialmente automatizzati di tutte le case automobilistiche. Dal 2016, l’agenzia ha inviato squadre a 34 arresti anomali in cui i sistemi erano in uso o sospettati di funzionare. Dei 34, 28 coinvolti Tesla.

Quindici persone sono morte negli incidenti su cui l’NHTSA sta indagando e almeno altre 15 sono rimaste ferite. Dei decessi, 14 si sono verificati in incidenti che hanno coinvolto Tesla, affermano i documenti dell’agenzia.

NHTSA sta anche indagando sul motivo per cui le Tesla con il pilota automatico si sono schiantate contro veicoli di emergenza parcheggiati sulle strade.

Tesla e il CEO Elon Musk hanno combattuto per anni con le agenzie governative degli Stati Uniti e della California, combattendo con NHTSA e, in particolare, con la Securities and Exchange Commission.

Anche Musk, la persona più ricca del mondo, lo ha fatto offerto di acquistare Twitter per $ 44 miliardi e farne una società privata. Ma Musk ha detto di aver sospeso l’accordo il mese scorso perché sospetta che la piattaforma di social media abbia account bot più automatizzati di quanto non abbia rivelato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.