I partecipanti allo spettacolo nel giubileo della regina celebrano diversi Regno Unito

LONDRA (AP) — Mentre la designer Clary Salandy apre la porta della cucina in un anonimo centro comunitario nella zona ovest di Londra, i suoi visitatori si fermano, stupiti da ciò che trovano.

Una dozzina di teste di giraffa, realizzate nei toni dell’arancione e del marrone con cappelli a cilindro e ciglia fluenti, sorridono in fila ordinata in cima al fornello commerciale, mentre un paio di zebre sbirciano da un angolo vicino al frigorifero.

Quel senso di sorpresa è esattamente ciò che Salandy spera che le persone sperimenteranno domenica, quando le giraffe e le zebre si uniranno a una troupe di elefanti e fenicotteri danzanti fuori Buckingham Palace come parte del corteo che concluderà quattro giorni di festeggiamenti che celebrano i 70 anni della regina Elisabetta II sul trono. Nel frattempo, le bestie di plastica espansa rimarranno chiuse in cucina per essere custodite.

Salandy e il suo team al Mahogany Carnival Arts vogliono che la loro giocosa rivisitazione dell’ambientazione in cui la giovane principessa Elisabetta apprese di essere regina nel 1952, durante una spedizione naturalistica in Kenya, per suscitare un senso di divertimento e fantasia in una nazione che si sta riprendendo dal coronavirus pandemia.

Vogliono, in breve, ispirare gioia.

“Quando lo vedi, dovresti dire, ‘Wow! Sai, è fantastico!”, ha detto Salandy. “Solleveremo le persone da COVID e le porteremo avanti quando avranno finito. Le persone dovrebbero sentirsi positive che la vita sta tornando e che andremo avanti e indietro per goderci le nostre vite”.

Quel messaggio sarà consegnato da un gruppo di 250 artisti e artisti della comunità afro-caraibica, particolarmente colpita dalla pandemia e ora schiacciata dalla crisi del costo della vita.

Ma gli artisti vogliono raggiungere tutti con una presentazione che celebra la diversità della Gran Bretagna e del Commonwealth.

I bambini diventeranno cigni, le persone anziane sfrecceranno su scooter per disabili addobbati come fenicotteri e ballerini daranno vita alle giraffe e alle zebre, forse anche per socializzare con la folla.

Un altro gruppo di ballerini si unirà per formare la veste dell’incoronazione della regina, con i simboli di tutte le principali fedi e cenni a tutte le 54 nazioni del Commonwealth intrecciate nel suo tessuto viola e bianco.

Le danze e i costumi – sculture davvero indossabili – nascono dalle tradizioni del Carnevale come viene celebrato nei Caraibi. Quell’eredità ha ispirato il Carnevale di Notting Hill, una celebrazione della cultura caraibica che è diventata il più grande festival di strada d’Europa. La festa di fine estate è stata annullata negli ultimi due anni a causa della pandemia.

L’artista Carl Gabriel, che sta collaborando con Mahogany, sta ancora dando gli ultimi ritocchi a un busto della regina da 85 chilogrammi (quasi 200 libbre), completo di corona e collana di diamanti, che costituirà il fulcro della performance. Sul suo plinto, è alto quattro metri (13 piedi).

Gabriel ha trascorso mesi a costruire la scultura utilizzando la tradizionale tecnica della piegatura del filo insieme alle sue stesse innovazioni. Creato piegando meticolosamente pezzi di filo metallico attorno a un telaio metallico usando un assortimento di pinze e martelli, il lavoro quasi finito assomiglia a un gigantesco progetto di macramè. Dopo aver indossato occhiali di sicurezza e un grembiule di pelle nel suo studio a Londra, ha detto che vuole che il lavoro abbia un significato per la regina – e molti altri oltre.

“Sento che molte persone stanno soffrendo”, ha detto Gabriel. “Il minimo che potrei fare è fornire a coloro che hanno sofferto un momento difficile un po’ di divertimento presentando loro il lavoro.”

Al centro, lo spettacolo è una celebrazione dei 70 anni di servizio della regina, ha affermato Nicola Cummings, un creatore di costumi e insegnante presso la Queen’s Park Community School, che sta lavorando con 24 giovani ballerini. La regina è al centro di tutto.

“Ogni visita che ha fatto, ogni volta che è uscita, ha sempre rappresentato il Paese al meglio. Non l’abbiamo mai vista con un aspetto trasandato”, ha detto Cummings. “Solo per questo, sai, dobbiamo restituire ora. Eccoci qui. Le stiamo mostrando il nostro meglio”.

Ma la performance porta anche un messaggio di ringiovanimento.

La comunità di Mahogany è stata l’epicentro del primo focolaio di COVID-19 e i mesi di preparazione per il giubileo hanno sollevato gli artisti, molti dei quali hanno perso i familiari durante la pandemia.

Proprio come la regina ha promesso alla nazione al culmine della pandemia che le persone avrebbero incontrato di nuovo i loro amici e le loro famiglie, così gli artisti stanno celebrando la capacità di ballare di nuovo come parte di una comunità, un gruppo ancora più stretto ora di prima.

Cummings penserà a suo padre, anche lui coinvolto nei carnevali. È morto di COVID-19 l’anno scorso.

“Sento di rappresentarlo in un certo senso”, ha detto, incapace di trattenere le lacrime. “Questo è quasi come un tributo a lui.”

___

Segui la copertura di AP sulla regina Elisabetta II su https://apnews.com/hub/queen-elizabeth-ii

Leave a Reply

Your email address will not be published.