Dave Clark, CEO di Amazon Consumer Business, si dimette

Dave Clark, l’amministratore delegato del settore dei consumatori di Amazon, che è stato l’architetto delle sue massicce operazioni di magazzino, ha annunciato venerdì che avrebbe lasciato l’azienda dopo 23 anni. Non ha detto cosa avrebbe fatto dopo e la società non ha nominato immediatamente un successore.

“È ora che io ricominci a costruire”, ha detto disse in una nota su Twitter. Il suo ultimo giorno è il 1 luglio.

Andy Jassy, ​​amministratore delegato di Amazon, ha dichiarato in un’e-mail alla leadership dell’azienda che spera di avere un aggiornamento sui piani di successione “nelle prossime settimane”.

“Gli ultimi anni sono stati tra i più impegnativi e imprevedibili che abbiamo affrontato nella storia del settore dei consumatori di Amazon”, ha affermato Jassy, ​​”e apprezzo particolarmente la leadership di Dave in quel periodo”.

Il signor Clark è salito tra i ranghi delle operazioni di Amazon per supervisionare uno dei più grandi investimenti di capitale nella storia dell’azienda, poiché l’azienda si è mossa per sviluppare la propria infrastruttura per evadere e consegnare gli ordini per via aerea, camion e furgoni. Sotto la sua sorveglianza, la forza lavoro dell’azienda è aumentata a oltre 1,6 milioni.

Allo stesso tempo, il modello costruito da Mr. Clark ha dovuto affrontare pressioni crescenti. I responsabili politici e i dipendenti hanno messo in dubbio il modello occupazionale dell’azienda, che prevede un salario minimo medio superiore a $ 18 l’ora ma si basa su un flusso di lavoratori che entrano ed escono dall’azienda in bicicletta. I lavoratori di Staten Island quest’anno hanno votato per formare un sindacato, cosa che l’azienda sta contestando.

Gli ultimi risultati finanziari dell’azienda hanno mostrato che Amazon si è espansa eccessivamente, avendo più magazzino e capacità di manodopera rispetto alla domanda dei clienti mentre la spinta della pandemia nel commercio elettronico si è ritirata. I dirigenti della società hanno affermato che stava cercando di riequilibrare la sua spesa.

“I nostri team sono concentrati sul miglioramento della produttività e dell’efficienza dei costi in tutta la nostra rete di evasione ordini”, ha affermato Jassy in una dichiarazione all’epoca.

Il signor Clark era un difensore aggressivo di Amazon. In un twittare da allora ha cancellato, l’anno scorso ha pungolato il senatore Bernie Sanders, l’indipendente del Vermont, che sosteneva i lavoratori che cercavano di sindacalizzare. “Dico spesso che siamo i Bernie Sanders dei datori di lavoro, ma non è del tutto corretto perché in realtà forniamo un posto di lavoro all’avanguardia”, ha scritto il signor Clark. In un altro tweet che è stato cancellato, ha scritto che il signor Sanders dovrebbe “risparmiare la sua lezione scodinzolante fino a quando non avrà effettivamente consegnato nel suo cortile”.

La vetta della classifica di Amazon ha subito i più grandi cambiamenti nella sua storia negli ultimi due anni. Il signor Clark è stato promosso a dirigere il settore dei consumatori quando Jeff Wilke, un dirigente di lunga data, si è ritirato. Quindi Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, si è dimesso dalla carica di amministratore delegato lo scorso anno e ha nominato Jassy come suo sostituto.

Sotto il signor Bezos, il signor Clark aveva una notevole autonomia per costruire le operazioni di Amazon. Jassy, ​​che aveva creato e gestito le operazioni di cloud computing di Amazon prima di assumere il ruolo di amministratore delegato, ha scavato in parti dell’azienda che in precedenza non erano state sotto il suo diretto controllo. Ha promesso di affrontare sistematicamente le preoccupazioni dei dipendenti.

Lo scorso autunno, il signor Clark si è trasferito da Seattle, dove ha sede Amazon, a Dallas, dove l’azienda non ha una presenza aziendale importante, cosa che alcune persone dell’organizzazione hanno visto come un segno che il suo tempo con l’azienda potrebbe arrivare a una fine.

Leave a Reply

Your email address will not be published.