Ciò che gli americani devono sapere sull’assicurazione sanitaria quando viaggiano all’estero

Secondo un sondaggio condotto da InsureMyTrip, uno dei principali siti di confronto delle assicurazioni di viaggio, quasi la metà degli americani non sapeva se i propri piani assicurativi sanitari nazionali avrebbero coperto eventuali visite mediche o ospedaliere di emergenza durante i viaggi all’estero.

“I viaggiatori dovrebbero essere a conoscenza di eventuali limitazioni delle polizze assicurative sanitarie nazionali mentre si trovano fuori dal paese”, ha affermato la compagnia.

PUBBLICITÀ

“Nella maggior parte dei casi, ci sono lacune nella copertura. Alcune lacune sono significative. L’assicurazione di viaggio è consigliata perché può fungere da copertura supplementare o primaria.

Assicurazione di viaggio. (foto via scyther5 /iStock / Getty Images Plus)

I consulenti di viaggio non potrebbero essere più d’accordo.

“Raccomando sempre un’assicurazione di viaggio ai miei clienti, soprattutto quando viaggiano all’estero”, ha affermato Amy Daniel, proprietaria di Custom Design Travel.

“Faccio loro sapere che molte compagnie assicurative private non ti coprono mentre viaggi all’estero. A volte un piccolo problema medico durante il viaggio può trasformarsi in una catastrofe senza un’adeguata assicurazione. L’assicurazione di viaggio ti offre un ulteriore livello di protezione durante il viaggio.

Daniel ha osservato che è anche importante che i clienti dispongano di una polizza che offra sia la cancellazione per motivi medici coperti, sia la copertura medica e i servizi di emergenza.

“Non viaggio mai senza di essa personalmente”, ha detto. “Se i clienti sembrano esitanti, racconto loro storie vere di cose che sono successe ai clienti negli ultimi 25 anni.

“Rispondono sempre con ‘Accidenti, non ci ho mai pensato.’

E sebbene la pandemia stia diminuendo, chiaramente non è finita.

In voga

Tecnologia di viaggio, uomo con aereo e laptop

“Quando si aggiunge il COVID al mix – e il requisito del test COVID per tornare negli Stati Uniti – l’assicurazione di viaggio è d’obbligo”, ha affermato Jennifer Doncsez, presidente di VIP Vacations.

“VIP Vacations raccomanda principalmente Travel Insured, che ha una copertura di quarantena a un tasso di rimborso specifico al giorno se qualcuno dovesse risultare positivo a Doncsecz prima di tornare a casa”, ha affermato.

“Se i nostri clienti sono interessati esclusivamente alla copertura medica all’estero e all’indennità di quarantena nella destinazione, lo evidenziamo tramite Travel Insured. Possono acquistare una polizza che preveda entrambi questi articoli senza acquistare una polizza completa che copra la cancellazione prima del viaggio”.

Doncsecz ha affermato che questo è particolarmente raccomandato per “i clienti sono vicini alle date del viaggio e si stanno innervosendo”.

“Quando inviamo ai nostri clienti i loro documenti e abbiamo annotato che hanno rifiutato l’acquisto di un’assicurazione fin dall’inizio, suggeriamo gentilmente di aggiungere l’assicurazione medica/quarantena e il più delle volte, viene acquistata prima del viaggio”.

Un altro motivo convincente per cui i viaggiatori dovrebbero optare per l’assicurazione è il ritardo del viaggio, ha affermato Tammy Levent di Elite Travel. “Con tutti i ritardi delle compagnie aeree in questi giorni, i miei clienti stanno optando per questo sempre di più”.

Ci sono anche ottime ragioni per cui i viaggiatori più anziani, in particolare, dovrebbero optare per un’assicurazione di viaggio.

“La mia clientela tende ad essere un po’ più anziana, quindi una delle prime cose che gli faccio sapere è che se hanno Medicare, non avranno copertura medica al di fuori degli Stati Uniti”, ha affermato Trish Gastineau, proprietaria di Simply Customized Travel. “È qualcosa a cui non hanno pensato”.

Gastineau ha affermato che uno dei suoi attuali punti di forza è “una polizza di viaggio che offro con una copertura di $ 200 a persona, al giorno nel caso in cui i clienti vengano messi in quarantena se risultano positivi all’estero per COVID”.

Il vantaggio giornaliero è in vigore per 10 giorni, il che offre quindi ai viaggiatori “un vantaggio per i pasti in hotel e il trasporto di circa $ 2000 per passeggero coperto”, ha affermato Gastineau.

“Dati i tempi del COVID, la mancanza di certezza sugli orari dei voli e l’insistenza del governo degli Stati Uniti su un periodo di attesa di 10 giorni prima che coloro che risultano positivi possano tornare negli Stati Uniti, tutti coloro che viaggiano con noi devono portare un’assicurazione di viaggio”, hanno affermato Churchill & Turen Consigliere delegato.

“È una cosa del “QI ​​di viaggio”. Se non sei abbastanza intelligente da volere un’assicurazione adeguata, non sei abbastanza intelligente da essere un ospite di Churchill & Turen”, ha aggiunto.

“La nuova realtà è che essere assicurati o non assicurati non è più un problema. L’unica domanda è se l’ospite integrerà o meno l’assicurazione di viaggio con una copertura per l’evacuazione medica di emergenza come quella offerta da Med-Jet.

Il consiglio di Turen?

Guarda la linea di evacuazione medica della polizza assicurativa. “Se è meno di mezzo milione di dollari, passa alla politica successiva”, ha detto.

In questi giorni, molti consulenti di viaggio insistono affinché i loro clienti firmino deroghe. “Stanno teoricamente assolvendo il consulente dalla responsabilità legale”, ha detto Turen.

“E allora? Non mi interessano le ramificazioni legali. Ho a cuore gli ospiti e il loro benessere. Troppo stupido per assicurarti: visita Disneyland invece della Toscana.

Alla fine, peccare per eccesso di cautela.

“Le emergenze sono proprio questo: emergenze!” disse Grant of Custom Design Travel.

“Nessuno ne prevede uno, ma tu vuoi essere protetto se dovesse succedere a te.”


Per le ultime informazioni sui viaggi in tutto il mondo, dai un’occhiata a questo guida interattiva.

Per le ultime notizie di viaggio, aggiornamenti e offerte, assicurati di iscriverti al newsletter giornaliera TravelPulse qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published.