Chiedi ad Amy: non voglio più essere amica, quindi la sto prendendo in giro

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Cara Amy: “Mary” ed io ci conoscevamo al college. Non ci parlavamo per anni dopo la laurea, ma a volte ci vedevamo nei bar e ci salutavamo.

Nel 2020 ha deciso di voler sviluppare un’amicizia con me.

Ho subito capito quanto sia instabile. Passa attraverso cicli di dormire con nuove persone e pubblicarle su tutti i social media. Poi la relazione finisce e lei inizia con qualcuno di nuovo.

Si è anche comportata in modo non etico nella sua professione.

Quasi ogni fine settimana ormai Mary mi chiede di uscire a bere. Non le ho mai mandato un messaggio prima. Ho inventato scuse, perché non mi sento a mio agio nel dirle che trovo le sue azioni problematiche.

Tra un messaggio e l’altro che chiedeva di uscire, mi diceva quanto sono brava amica e quanto tiene a me.

Amy, vedrei questa persona una volta ogni pochi mesi.

Lo scorso fine settimana, ho finalmente lasciato il suo messaggio come “letto”, ma non ho risposto. Recentemente ho ricevuto un messaggio da lei che mi diceva che le manco. Ho paura di dirle che non voglio essere sua amica.

Non so come reagirebbe, e ci sono buone probabilità che la vedrei in giro per la mia piccola città.

Dovrei continuare a non risponderle e sperare che finalmente riceva il suggerimento?

Nessun caos: Se hai davvero paura della reazione di “Mary” a qualsiasi tua affermazione, allora sì, suggerirei un continuo ghosting di luce. Ti manderà un messaggio, tu leggerai i suoi messaggi, ma non risponderai a meno che tu non senta il bisogno di rispondere a una domanda. (Ad esempio, se ti chiede di incontrarla in un bar a una certa ora, dovresti rispondere: “Scusa, non ce la faccio. Spero che ti diverta.”)

Se le cose dovessero precipitare e ti senti messo in un angolo, mantieni la tua affermazione semplice: “Non faccio feste come una volta, ma sono sicuro che prima o poi ti vedrò in giro per la città. Prendersi cura di voi stessi.”

Cara Amy: Recentemente ho fatto visita a mia suocera a casa sua.

È stata una visita simpatica e cordiale, solo che penso che mi abbia chiamato bugiardo senza nemmeno dire quelle parole.

Ero nella sua cucina a cucinare un pasto per lei e per altri membri della famiglia quando ha dichiarato: “Sai come si sono confuse le posate nei cassetti? Non che mi importi, ma mi stavo solo chiedendo”.

Le ho detto: “No, non so come sia successo”.

Poi ha detto: “Beh, se non l’hai fatto tu, mi chiedo chi è stato? So che ‘Susan’ non l’ha fatto”. (Questa è sua figlia, che ha visitato il mese precedente.)

Ho lasciato cadere l’argomento, ma poi ho iniziato a pensare: mi ha accusato di mentire?

Ne sto guadagnando troppo? Non voglio parlarne con mio marito (suo figlio), ma sicuramente mi dà fastidio.

— Cassetto confuso nel Michigan

Mischiato: Potresti aver sentito parlare della “negazione senza negazione”, introdotta nella cultura popolare durante l’era del Watergate. Questo si riferisce al negare un’accusa senza negarla effettivamente o specificamente: (“Non suona come qualcosa che farei.”)

Il commento di tua suocera rientra in una classica categoria di suocera: l’accusa di non accusa.

Ovviamente questo ti dà fastidio! E sì, dovresti fare del tuo meglio per lasciarlo cadere.

Cara Amy: Posso soffermarmi sulla domanda da “Cuoco della matrigna della Bay Area”, la donna che ha rifiutato di lasciare le cipolle fuori dal cibo, anche se suo genero aveva un’avversione per le cipolle?

Sono uno chef professionista in pensione.

Cucinare è l’arte di rendere il cibo delizioso per le altre persone. Un vero artista (e un essere umano maturo) si pone per affrontare le sfide con entusiasmo.

Molte persone hanno allergie potenzialmente letali, tabù religiosi, problemi di salute o semplici avversioni e preferenze che dovrebbero essere rispettate.

L’artista in cucina – e il generoso padrone di casa – incontreranno i cambiamenti degli ingredienti con la gioia di trionfare attraverso la creatività.

C’è un proverbio: “Un ospite è il gioiello sul cuscino dell’ospitalità”.

È anche un’idea poco appetitosa iniziare una guerra dell’ego nella tua famiglia.

Maria: Questa domanda continua a ricevere una risposta solida (gustosa?).

Questo parla dell’importanza che tutti noi attribuiamo non solo al cibo e alla nutrizione, ma anche alle nozioni di ospitalità e generosità.

Grazie mille per la tua risposta sensibile e saggia.

©2022 di Amy Dickinson distribuito da Tribune Content Agency

Leave a Reply

Your email address will not be published.