20 stati in lizza per essere i primi a controllare le aspiranti presidenziali democratiche del 2024

Venti partiti democratici statali stanno portando avanti gli sforzi per essere i primi a votare alle primarie presidenziali democratiche del 2024, un potenziale cambiamento che attirerà maggiore attenzione se il presidente Biden deciderà di non candidarsi per la rielezione.

Tutti e quattro gli stati che hanno avviato il processo di nomina dal 2008, Iowa, New Hampshire, Nevada e Carolina del Sud, hanno confermato a CBS News che stanno presentando domande per rimanere nella finestra iniziale.

L’Iowa sta lottando per mantenere il suo status di primo nella nazione, dopo i caotici caucus del 2020, quando ci sono voluti giorni per pubblicare i risultati a causa di un problema con il software di reporting. Alcuni democratici hanno affermato che la mancanza di diversità e competitività dell’Iowa durante le recenti elezioni generali dovrebbe anche costare il posto allo stato.

Anche altri quattordici stati, Porto Rico e Democratici all’estero, stanno gareggiando per la finestra anticipata. All’inizio di maggio hanno indicato di voler essere tra i primi concorsi di nomina. Le domande devono essere presentate entro la fine della giornata di venerdì.

Gli stati che hanno confermato che stanno presentando le loro domande includono Colorado, Connecticut, Delaware, Georgia, Illinois, Maryland, Michigan, Minnesota, Nebraska, New Jersey, New York, Oklahoma, Texas e Washington.

Il Comitato per le regole e lo statuto del Comitato Nazionale Democratico (RBC) criteri approvati ad aprile per selezionare fino a cinque stati per essere nella finestra iniziale. I tre criteri principali del comitato per la selezione degli stati saranno la diversità, la competitività e la fattibilità. Almeno uno stato deve essere selezionato tra le regioni Est, Midwest, Sud e Ovest.

Diverse fonti hanno detto a CBS News che Michigan e Minnesota sono entrambi considerati candidati forti e almeno uno di loro potrebbe entrare nella finestra iniziale. Se uno di questi stati dovesse entrare nella finestra iniziale, non è chiaro quale impatto avrebbe sull’Iowa, un altro stato del Midwest, che da decenni tiene il primo concorso per la nomina.

Il Michigan avrebbe bisogno dell’approvazione della sua legislatura, che è attualmente controllata dai repubblicani, per spostare la data delle primarie. Una fonte familiare ha detto a CBS News che i Democratici del Michigan stanno lavorando con una società di lobbying per aiutare con la loro presentazione e la questione del GOP.

Affinché il Minnesota sposti la sua data principale, i presidenti del partito democratico e repubblicano dello stato dovrebbero raggiungere un accordo. Il fatto che lo stato non debba fare affidamento su un legislatore statale GOP per modificare la data principale è un punto di forza per la sua presentazione al DNC.

Il Partito Democratico del Minnesota è in trattative in corso con le sue controparti del GOP. Una fonte che ha familiarità con l’offerta del partito afferma che i repubblicani riconoscono “i vantaggi significativi che deriverebbero dall’essere un primo stato primario”.

David Hann, il presidente del Partito Repubblicano del Minnesota, ha detto a CBS News di aver parlato con il presidente del Partito Democratico-Agricoltore-Laburista del Minnesota Ken Martin degli sforzi dei Democratici per passare alla finestra iniziale. Ma ha detto che non gli è stato ufficialmente chiesto di spostare la data e vorrebbe sapere cosa consentirebbero le regole dell’RNC.

“Non abbiamo dato alcuna opinione al riguardo”, ha detto Hann. “Vorrei parlare con il Comitato Nazionale Repubblicano per scoprire esattamente quali regole potrebbero esistere sulla nostra capacità di cambiare la data delle primarie”.

Secondo le regole dell’RNC, gli stati che tengono le elezioni prima del 1 marzo “violano il calendario” e perderanno delegati. Ci sono strade per loro di richiedere una deroga ed essere esentati dalle regole.

Mentre i Democratici stanno valutando cambiamenti significativi al loro calendario delle primarie, il calendario repubblicano rimarrà lo stesso del 2020, il che significa che i repubblicani dell’Iowa terranno il primo concorso per il GOP.

Se l’ordine degli stati cambia, gli effetti potrebbero non essere del tutto evidenti nel 2024, quando il presidente dovrebbe candidarsi per la rielezione. In tal caso, alcuni stati potrebbero annullare le primarie se non un numero sufficiente di sfidanti si qualificasse per il ballottaggio. Quattro stati hanno annullato le primarie nel 2012, quando il presidente Obama era in corsa per il suo secondo mandato.

La RBC ascolterà le presentazioni il 22 e 23 giugno prima di prendere una decisione su quali stati entreranno nella finestra iniziale durante le riunioni del 5 e 6 agosto.

È possibile che non tutte le parti che si candidano per entrare nella finestra iniziale abbiano la possibilità di esporre la propria tesi in una presentazione, secondo un’e-mail ottenuta da CBS News che è stata inviata agli stati parti a fine maggio.

“I copresidenti della RBC Jim Roosevelt e Minyon Moore selezioneranno un sottoinsieme di stati per fare presentazioni alla RBC durante la riunione del 22-24 giugno a Washington, DC”, afferma l’e-mail. “I copresidenti prenderanno una decisione dopo che le domande sono state presentate entro una data da annunciare prima della scadenza. Le parti non selezionate per presentare possono contattare Party Affairs per organizzare un incontro con i copresidenti per discutere la determinazione”.

Ai candidati è stato chiesto di rispondere a domande su diversità, competitività e fattibilità, secondo un documento ottenuto da CBS News. La risoluzione approvata ad aprile ha definito la diversità come la diversità razziale, etnica, geografica ed economica, nonché la rappresentanza sindacale.

Le domande sulla competitività pongono affermano come organizzare un concorso anticipato aiuterebbe i democratici in un’elezione presidenziale generale e per evidenziare eventuali guadagni realizzati dai democratici nello stato dal 2012. Le domande di fattibilità chiedevano come viene fissata una data primaria, come potrebbe essere una data cambiato e se ci sono state conversazioni con funzionari statali sullo spostamento delle primarie nella finestra iniziale.

Per gli stati che tengono caucus o primarie di partito, piuttosto che primarie statali, ci sono ulteriori domande sul motivo per cui lo stato utilizza quel metodo di voto, eventuali modifiche che sarebbero apportate per il 2024 e il numero di caucus o sedi di voto. Durante le discussioni sulla finestra iniziale, diversi membri della RBC e relatori nelle sessioni di ascolto hanno criticato il processo del caucus.

Un altro fattore da considerare è il costo della pubblicità televisiva in uno stato. Ciò potrebbe avere un impatto particolare su stati come Illinois, New York, New Jersey e Texas, che hanno mercati dei media particolarmente grandi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.